OS X Mavericks diventa gratuito

Apple ha presentato una serie di nuovi prodotti inclusa la nuova versione del sistema operativo OS X. E la curiosità è che diventato (o potremmo dire tornato) gratuito tramite Mac App Store. Volendo nulla di nuovo visto che lo era già e visto che anche altri hanno adottato questo tipo di modello (ad esempio, anche se si vanno a paragonare pere con mele, Windows 8.1 è gratuito per tutti i possessori di Windows 8).

La logica se vogliamo è più simile al mondo consumer puro dove tablet e smartphone godono degli aggiornamenti del sistema operativo “gratuitamente” tramite il relativo store. Già… ma esattamente secondo un modello consumer molto spinto questa accelerazione agli aggiornamenti dei sistemi operativi spesso porta anche all’obsolescenza veloce dell’hardware disponibile… quindi si regala da una parte, per poi invece incassare dall’altra (e il nuovo OSX può anche essere visto come modo per far passare ai nuovi modelli).

Interessanti anche i punti di vista espressi in questo post: questa manovrà può essere d’aiuto per guidare verso l’unificazione di iOS e OSX e/o per favorire la migrazione di OSX su una nuova piattaforma (ragionevolmente quella ARM già usata da iOS, visto che il nuovo A7 è a 64bit).

Unificazione che forse non sembra così vicina o scontata: i tentativi di portare l’iOS dentro l’OSX non sono finora andati benissimo (l’interfaccia ne risultava pesante e poco usabile), ma soprattutto si torna al solito discorso se un tablet può veramente sostituire un portatile (mantendo lo stesso sistema operativo però da smartphone). Secondo me per ora no se non a costo di traformarlo in un ibrido con un ultrabook. Surface Pro è di fatto un esempio, ma Surface RT è anche l’esempio contrario: o si hanno le stesse funzionalità dei portatili (come in Surface Pro) e compatibilità applicativa oppure rimangono mondi parzialmente sovrapposti ma comunque (in tanti utilizzi) separati. La vera convergenza, secondo me, si potrà avere solo con applicativi comuni o compatibili…

Sul fronte invece della migrazione da Intel ad ARM è possibile (del resto Apple era già passata da Motorola a PowerPC e da PowerPC ad Intel), ma sarebbe veramente così indolore? Staremo a vedere.

Questo post è stato visto 1459 volte!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Posted on ottobre 23, 2013 at 10:15 am by amauro · Permalink
In: Apple