ReactOS – Destinato a fallire?

Leggendo la pagine delle caratteristiche di questo “nuovo” sistema operativo, sembra un progetto troppo grande per le sue ambizioni… confrontando i risultati del progetto Wine (che è in corso da tanti anni, ma ancora non ha un livello molto alto di compatibilità) ci si rende conto di quanto sia difficile implementare le API Microsoft basandosi puramente sui documenti pubblici (il sito dichiara di non ricorrere al reverse engineering)… sia per la vastità delle stesse, sia perché non tutte sono documentate.

La scelta di utilizzare i documenti pubblici per l’implementazione è dovuta al cercare di mantenere la piena legalità del codice (da notare che è anche Software Libero, rilasciato con licenza GPL). Ma già qua si vedono i primi “intoppi”, come ad esempio l’impossibilità di implementare il filesystem NTFS.

Sarà anche vero che al momento è in alpha, ma nello stadio attuale la compatibilità è proprio il grosso punto debole… e paradossalmente è proprio il requisito principale di un progetto di questo tipo.

Il tempo farà da giudice e dirà quale sarà il destino di questo sistema operativo.

Questo post è stato visto 1640 volte!

Posted on Settembre 26, 2011 at 6:29 am by amauro · Permalink
In: GPL, Windows · Tagged with: